IERI SPOSI

In fondo è questo lo scopo ultimo della fotografia…. Dilatare il tempo. 
La perdita della collocazione temporale, la difficoltà di collocarle nel tempo.
Ricordare e confrontare… com’ero? Com’era diverso! Non c’è più !

E poi giù alla ricerca delle somiglianze, delle analogie…e poi ancora più giù… le differenze, la ricerca di visi o atteggiamenti del mondo del cinema …per poi risalire al banale, all’ovvio o all’inconsueto.

Queste fotografie rappresentano la sintesi di 20 anni di reportage di matrimoni ripresi con lo stile candid camera come dicono gli americani…La parola candid camera significa fotografia sincera…..spontanea… e questo è il metodo applicato come costante, la macchina come occhio e il risultato che si dilata e perde di facile collocazione (…e questo bianco e nero che sa di antico ma che è paradossalmente “avanti”). Il matrimonio come rito, come festa, come giorno in cui si perde un po’ di se stessi e ci si veste per l’appunto da matrimonio. Giorno nel quale si mangia e si beve un po’ di più.

La rappresentazione di una giornata attraverso la fotografia che assume il compito di accentuare e esaltare l’evento.

 

 

 

inizio3861
inizio3861
press to zoom
SIMO 171
SIMO 171
press to zoom
40.jpg
40.jpg
press to zoom
giu 154
giu 154
press to zoom
13.jpg
13.jpg
press to zoom
manuela
manuela
press to zoom
_LIO9952.jpg
_LIO9952.jpg
press to zoom
_NOT0221.jpg
_NOT0221.jpg
press to zoom
_NOT0368.jpg
_NOT0368.jpg
press to zoom
_MAL5608.jpg
_MAL5608.jpg
press to zoom
_MAL5581.jpg
_MAL5581.jpg
press to zoom
236.JPG
236.JPG
press to zoom
01.jpg
01.jpg
press to zoom
_SBN4043.jpg
_SBN4043.jpg
press to zoom
_DSC0673
_DSC0673
press to zoom